AvivAbility | Sostegno alla salute

Descrizione del progetto

La persona con paraplegia o tetraplegia (paralisi di gambe o di gambe e braccia) in seguito a lesione del midollo spinale, perde improvvisamente la capacità di movimento e di funzionalità corporea dal livello della lesione in giù (perdita di controllo degli sfinteri e delle funzioni sessuali). Si tratta di una disabilità estremamente grave che riguarda un numero elevato di individui, per lo più giovani, e che è in drammatico aumento anche in Italia. I traumi sono le cause più frequenti di lesione al midollo spinale, tra questi in prima linea gli incidenti stradali, ma anche gravi traumi sportivi ed da armi da fuoco, cause non traumatiche ma comunque non meno gravi sono invece, le ischemie o emorragie del midollo spinale, i tumori e, in piccola percentuale, forme infiammatorie/autoimmuni.
LA LESIONE DEL MIDOLLO SPINALE È LA LESIONE DEL SÉ SPEZZATO. Per potersi reinserire nel loro ambiente e riprendere una vita il più possibile autonoma e attiva, le persone colpite da lesione spinale devono compiere un lungo e faticoso percorso curativo, che si svolge in particolari reparti ospedalieri detti Unità Spinali. Il ricovero in Unità Spinale dà l’avvio ad un iter di cura globale, riabilitativo-assistenziale, multidisciplinare fino al reinserimento socio-familiare. L' APM in collaborazione con l'Associazione "Sorgente Progetti", sta avviando nell'Unità Spinale degli Ospedali Riuniti di Ancona, un progetto di arte-terapia, tecniche di rilassamento, yoga e osteopatia come Terapie complementari, che affiancano l’attività riabilitativa ordinaria, con lo scopo di favorire l'adesione del Paziente al suo percorso di cura. Tali tecniche, consolidate in altre Unità Spinali Europe, incrementano la “mindfulness” ossia la consapevolezza del Paziente, stimolando atteggiamenti di resilienza, cioè di sviluppo di strategie adattative alla disabilità. Si favorisce così un comportamento pro-attivo ed un atteggiamento mentale ricostruttivo di un NUOVO SÉ e di un nuovo progetto di vita.

Beneficiari del progetto

Beneficiari diretti del progetto saranno tutti i Pazienti con paraplegia o tetraplegia (cioè la perdita dell'uso di gambe o di gambe e braccia) conseguente a lesione midollare della Regione Marche afferenti alla Struttura di Unità Spinale degli Ospedali Riuniti di Ancona, Centro unico regionale per il trattamento ed il follow-up della lesione midollare. L'accesso all'attività sarà garantito ai circa 25 pazienti in fase acuta che ogni anno vengono ricoverati presso la struttura ed agli oltre 150 pazienti ambulatoriali che ne vorranno usufruire.

Attività dell'organizzazione

L' associazione Paraplegici delle Marche (APM) è un'ONLUS nata nel giugno 2002, riunisce un discreto numero di persone con lesione del midollo spinale della regione Marche, che si fanno carico dei problemi legati alle lesioni midollari e si propongono come interlocutori nei confronti delle istituzioni locali competenti. Ne è il presidenti il Sig. Roberto Zazzetti.

Altre organizzazioni coinvolte nel progetto

Associazione Sorgente Progetti, via castelfidardo 4 Ancona, CF: 9315510423, email: associazionesorgenteprogetti@gmail.com https://www.sorgenteancona.it/

ASSOCIAZIONE PARAPLEGICI DELLE MARCHE ONLUS (APM)

Città: Torrette

I Pazienti che giungono in Unità Spinale posseggono un vissuto doloroso e traumatico. La dedizione, la sensibilità del personale sono ammirevoli
Orgogliosa di collaborare con professionisti di quel calibro, che si muovono per creare un luogo in cui ciascuno possa sentirsi nuovamente integro
Fatma