Aviva Balance | Donne al centro

Descrizione del progetto

La Cooperativa LiberaMente gestisce un centro antiviolenza, accogliendo donne e minori vittime di maltrattamento, e una casa rifugio ad indirizzo segreto per situazioni ad alto rischio di incolumità fisica.
Le donne, nei colloqui, dichiarano il desiderio di interrompere la violenza agita dal compagno per progettare una vita differente. A causa del maltrattamento, le donne si scontrano con l’assenza di risorse economiche, di una rete famigliare e di un contesto sociale supportivo. Talvolta, si configurano situazioni complesse che necessiterebbero l’allontanamento dalla abitazione o, in casi estremamente ad alto rischio, la protezione.
Il territorio di Pavia non offre, al momento, soluzioni di ospitalità, anche temporanea, per questi nuclei. Grazie ad un progetto con il Comune di Pavia, ci sono stati assegnati in gestione 3 appartamenti privi di beni materiali da destinare a madri con figli per percorsi di semi-autonomia. Il Centro Antiviolenza ha gestito situazioni ad altissimo livello di rischio dove si è reso necessario proteggere il nucleo con l’inserimento in casa rifugio. Il progetto ci permette di rinforzare i nostri interventi con un passaggio ulteriore ossia garantire l’uscita dalla casa rifugio in contesti protetti seppur orientati a un’autonomia sempre crescente. Infatti, il Comune di Pavia ci ha assegnato 2 alloggi per donne con o senza minori per agevolare il reinserimento nel mercato del lavoro dopo anni di inattività, e la conseguente stabilità economica per avere accesso al mercato immobiliare.
Il progetto permetterebbe di allestire gli appartamenti con i beni materiali necessari, per riprodurre una dimensione abitativa di normalità, in cui le donne possano recuperare la relazione con i loro figli in un ambiente sereno. Questo si tradurrebbe concretamente nell’inserimento di 5 nuclei familiari, consentendo alle donne la valorizzazione di risorse ritrovate per completare i percorsi di autodeterminazione iniziati presso il nostro centro.

Beneficiari del progetto

Destinatari del progetto sono donne e minori vittime di violenza recatisi alla Cooperativa LiberaMente per interrompere la violenza domestica ma senza risorse economiche e/o reti familiari e amicali di supporto. Nell’anno 2018 abbiamo accolto 394 donne; il 50% ha figli minori. La violenza economica è una delle manifestazioni della violenza domestica dichiarata nel 51% dei casi. Il 62% ha un reddito nullo o insufficiente a garantire una vita dignitosa a sé e ai propri figli. Il progetto garantirebbe l’allestimento immediato di 5 appartamenti destinati all’accoglienza di 5 nuclei familiari.

Attività dell'organizzazione

LiberaMente è il riferimento per il contrasto alla violenza di genere da 30 anni a Pavia e provincia. Le attività garantite sono accoglienza e ospitalità in casa rifugio a indirizzo segreto per donne e minori vittime di violenza. Supportiamo le donne con colloqui operativi, ricerca lavoro, supporto psicologico e legale per costruire insieme un progetto di autonomia e interruzione della violenza.

Cooperativa LiberaMente-Percorsi di donne contro la violenza Onlus

Città: Pavia

Grazie al progetto sarà possibile creare soluzioni abitative di semi autonomia, per donne con o senza minori, assenti sul territorio pavese. Queste abitazioni offriranno loro l’opportunità di sottrarsi a situazioni violente e iniziare un efficace percorso verso l’autonomia.