AvivAbility | Sostegno alla salute

Descrizione del progetto

La parte di progetto di cui chiediamo il contributo prevede l’ultimazione di lavori edilizi di alcuni locali che saranno adibiti ad attività di arte terapia. Questi locali fanno parte di un complesso edilizio molto più ampio che verrà ricostruito all’interno di un borgo abbandonato sulle colline Pratesi, che sarà abitato da alcune famiglie con bambini e una piccola comunità di monaci. L’intero progetto prevede la costruzione di due strutture residenziali (“Casa del Grano” e Hospice) per ospitare malati, affetti da patologie considerate inguaribili nelle diverse fasi della malattia con i loro familiari –anche dopo l’eventuale morte della persona cara- dove le persone potranno ricevere, oltre a cure mediche di qualità, un accompagnamento spirituale, professionale e non confessionale, incentrato sulla meditazione, sull’ascolto dei bisogni e sulla valorizzazione delle personali risorse spirituali. Nel panorama italiano, infatti, l’accompagnamento integrale nel fine vita, seppur promosso dalla comunità scientifica (es OMS, Società Italiana Cure Palliative ecc) trova una parziale attenzione ed è lasciato alla sensibilità del singolo operatore. Il fulcro innovativo e motore qualificante dell’intero progetto consiste in una presa in carico tempestiva delle persone -dalla diagnosi infausta lungo tutto il percorso della malattia, ben prima dell’eventuale ricovero in Hospice o della presa in carico domiciliare. Le persone ammalate e i loro familiari potranno infatti, compatibilmente allo stato di salute, partecipare alle attività e alla vita del Borgo insieme alle famiglie residenti. La casa delle arti vuole essere uno spazio terapeutico per favorire la conoscenza di se, per affrontare le proprie paure e per dare spazio alle domande esistenziali e alla ricerca di senso che necessariamente i tempi ultimi impongono. I percorsi di arte terapia permetteranno di affrontare con più consapevolezza la malattia e la propria finitudine.

Beneficiari del progetto

Principalmente persone malate e familiari che frequenteranno il centro durante il percorso di accompagnamento dalla diagnosi infausta per tutta la durata delle malattia / stimati N° 200 pazienti e 490 familiari annui

Attività dell'organizzazione

Tutto è Vita Onlus TèV promuove un cambiamento culturale, di linguaggio e di comportamento riguardo alla morte. Come affermano i grandi saggi di tutte le epoche, affrontare consapevolmente il tema della morte permette di vivere in pienezza tutta la vita. Nel rispetto delle convinzioni personali, TèV propone percorsi esperienziali che permettono di riscoprire la propria dimensione spirituale.

Altre organizzazioni coinvolte nel progetto

I Ricostruttori.

TUTTO è VITA ONLUS

Città: Cantagallo

A renderci fieri di questo progetto, unico nel suo genere in Italia, è la possibilità di offrire a chi deve affrontare l'ultimo periodo della sua vita un luogo in cui essere accompagnato spiritualmente e psicologicamente (oltre che clinicamente) a partire già dalla diagnosi infausta.