Sostegno alla salute

Descrizione del progetto

Ogni anno, in Italia, muoiono circa 55.000 persone per arresto cardiorespiratorio. CHIUNQUE, in attesa dei soccorsi sanitari professionisti, nei primi minuti può aiutare a ridurre i casi di decessi e le conseguenze permanenti dovute alla mancanza di ossigeno al cervello. Occorre diffondere il senso civico di aiuto al prossimo, e la consapevolezza di corrette manovre salvavita extraospedaliere quale la rianimazione cardiopolmonare, perchè quel "prossimo" può essere uno di noi od un nostro familiare. Vogliamo realizzare un video idoneo e corretto, dettagliato e di facile apprendimento, pedagogicamente e tecnicamente studiato, sulle manovre di Rianimazione Cardiopolmonare e Disostruzione delle Vie Aeree. Lo distribuiremo GRATUITAMENTE a chiunque lo desideri, diffondendolo nelle scuole, negli enti, aziende e cittadinanza, anche attraverso internet, WhatsApp, canali social, etc , così da insegnare al maggior numero possibile di persone la possibilità di attivarsi e salvare una vita umana, attraverso semplici ma importanti manovre

Beneficiari del progetto

adolescenti, giovani e adulti, medici, infermieri, sanitari e comuni cittadini, volontari e volontari del soccorso e della protezione civile, insegnanti, istruttori sportivi e sportivi in genere, dirigenti aziendali, TUTTI coloro che hanno già frequentato un nostro Corso di Primo Soccorso (circa 500 persone solo con noi, ogni anno), oppure presso qualunque altro ente, e tutti coloro che ne sono interessati, compreso i loro stessi amici, parenti e conoscenti

Attività dell'organizzazione

la nostra mission è la capillare diffusione GRATUITA (aperta a tutti) della cultura del soccorso in emergenza extraospedaliera, al fine di salvaguardare la salute umana, con la formazione anche attraverso corsi specifici, convegni, di comuni cittadini a partire dai ragazzini alunni di scuole medie e superiori, e anche sanitari, sportivi, volontari, volontari del soccorso e chiunque lo desideri

RETE EMERGENZE Associazione Onlus

Città: Roma

Ancora molti credono , sbagliando, che queste manovre siano appannaggio dei soli sanitari (infermieri e medici). L'organizzazione e le persone coinvolte per la realizzazione del video, hanno i titoli per esercitare il soccorso, ma ancor più sono abilitati all'insegnamento.