Occupazione

Descrizione del progetto

L’obiettivo del progetto è aumentare le opportunità di inserimento nel contesto economico-sociale di giovani e donne stranieri senza fissa dimora ospiti della "Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci" attraverso interventi mirati e integrati, in collaborazione con i servizi offerti dalla struttura. L’intento è di definire percorsi individualizzati per aumentare la loro conoscenza della lingua italiana e le competenze tecniche e professionali, fornendoli di strumenti nuovi e più adeguati per affrontare la sfida del reinserimento sociale e del mercato del lavoro.
La “Casa Enzo Jannacci”, offre accoglienza temporanea a persone adulte senza fissa dimora. Uomini e donne in grave stato di bisogno ed emarginazione, privi di una casa e senza mezzi economici per procurarsela. Le persone accolte nella struttura nel 2017 sono state 1291, di cui 1026 uomini e 265 donne. Nel corso degli ultimi anni è in continua crescita il numero di ospiti stranieri e di donne, sia straniere che italiane. E' difficile per la struttura riuscire a dare risposte personalizzate ed efficaci agli ospiti rispetto ai percorsi necessari ad inserirsi in un mercato del lavoro in continua evoluzione, interfacciandosi con una scarsissima offerta di formazione gratuita sul territorio. Ancor più di difficile accesso per chi è giovane e donna straniero, in stato di grande fragilità, con una scarsa conoscenza della nostra lingua, con poca esperienza lavorativa e senza una rete sociale di supporto. Con il progetto vogliamo mettere in atto una sinergia tra il servizio di prima accoglienza e le competenze di Fondazione Verga nel costruire percorsi efficaci mirati all'inserimento lavorativo.
Le azioni previste dal progetto sono:
1. Attivazione di uno sportello di orientamento sul tema del lavoro e casa
2. Laboratori di lingua italiana specifici per il mondo del lavoro
3. Laboratori di informatica per il lavoro
4. Percorsi di formazione professionale, laboratori professionalizzanti e tirocini lavorativi.

Beneficiari del progetto

Il Progetto prevede: Un numero minimo di 60 ospiti stranieri che avranno accesso allo sportello di informazione e orientamento sul tema del lavoro e della casa. Nello specifico lo sportello si rivolge a uomini (di età compresa tra i 18 e 30) e donne. Da 30 a 50 persone parteciperanno ai corsi e laboratori, scelti tra le persone accolte nella struttura, di ambo i sessi, di origine straniera, che abbiano un' età compresa tra i 18 e 30 anni (l’età è un requisito solo per gli uomini) e necessità di un supporto finalizzato all’inserimento lavorativo.

Attività dell'organizzazione

Fondazione Verga si occupa di favorire l'integrazione sociale di migranti e rifugiati offrendo loro un segretariato sociale, corsi di lingua e cultura italiana, consulenza e assistenza giuridica, percorsi di orientamento, inclusione sociale e lavorativa, percorsi di formazione/lavoro, iniziative per il dialogo interculturale. Membro del Consiglio Direttivo del C.I.R. , dell'U.N.A.I.E. e A.S.G.I.

Associazione “Fondazione Franco Verga C.O.I.”

Città: Milano

Ho scelto di scrivere questo progetto poiché ritengo che, nel suo piccolo, possa essere un aiuto concreto per fornire risposte efficaci a bisogni rilevati e sempre più in aumento nella nostra società e, nello specifico, in questo contesto di accoglienza di persone senza fissa dimora.