Sostegno alla salute

Descrizione del progetto

Negli ultimi anni la letteratura scientifica ha mostrato come trattamenti cognitivi intensivi (almeno 5 sessioni/settimana) e con gradi di difficoltà progressivamente adattati alle capacità del paziente siano indispensabili per riabilitare una funzione (ad es. memoria, attenzione) compromessa. In questa ottica la disponibilità di dispositivi quali smartphone e tablet e lo sviluppo di opportune app ha costituito un passo imprescindibile. AISM e FISM nel 2011 hanno promosso e finanziato un progetto sulla riabilitazione della memoria in persone con sclerosi multipla (PcSM) con lo scopo di sviluppare e testare una app capace di rispondere ai requisiti sopra riportati. COGNITRACK prevede, infatti, il monitoraggio automatico del numero di sedute da compiere a settimana e, aspetto cruciale rispetto a soluzioni commerciali, l’incremento e la diminuzione del grado di difficoltà con algoritmi ad hoc. Una prima sperimentazione su 28 PcSM oltre ad evidenziare aderenza al trattamento, buona usabilità e miglioramento clinico ha mostrato anche effetti di neuroplasticità encefalica, riportata da molte pubblicazioni alla base del rallentamento della progressione di malattia.
Il presente progetto vuole attivare una fase di validazione su tutto il territorio italiano. Avvalendosi delle proprie reti consolidate a livello nazionale (ad es. 100 sezioni provinciali e reti di professionisti della riabilitazione), ci si propone di validare COGNITRACK su 160 PcSM con deficit della memoria (8 a regione). Il completamento di questo passo consentirà ad AISM e FISM il rilascio dell’app anche per scopi riabilitativi clinici. A tal fine si prevedono due valutazioni (inizio e fine trattamento) e il rilascio dei tablet ai pazienti da parte delle strutture regionali coinvolte. Per facilitare l’installazione della app e delle impostazioni sui tablet ogni struttura verrà dotata di un PC per tale operazione. I risultati verranno diffusi attraverso canali di comunicazione e divulgazione scientifica.

Beneficiari del progetto

I beneficiari diretti del progetto sono 160 pazienti distribuiti sul territorio italiano arruolati attraverso la rete FISM nelle 100 sezioni provinciali e reti di professionisti della riabilitazione. Gli altri stakeholder coinvolti sono le strutture che aderiranno all’iniziativa (circa uno per regione), la comunità scientifica nazionale e internazionale e tutta la comunità delle persone con SM che potranno beneficiare dell’implementazione di un nuovo strumento per il recupero e la stabilizzazione dei deficit cognitivi.

Attività dell'organizzazione

FISM (Fondazione Italiana Sclerosi Multipla) finanzia il 70% della ricerca sulla SM con progetti, borse di studio e servizi per i ricercatori. L’obiettivo è scoprire le cause della SM, trovarne la cura risolutiva e migliorare la qualità di vita delle persone che ne sono colpite, migliorando la gestione dei sintomi e della malattia e rallentando la progressione della disabilità.

Fondazione Italiana Sclerosi Multipla

Città: Italia

Il progetto attraverso una validazione rappresentativa del territorio nazionale consentirà di avere a disposizione uno strumento innovativo già da rilasciabile per scopi riabilitativi clinici.