In campo per l'infanzia e per i giovani

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione del progetto

Pareidolia è un’associazione no profit di promozione sociale nata a Milano nel 2011 dall’incontro di un gruppo di giovani genitori, che si sono ritrovati a condividere i loro primi passi da neo-padri e madri in un contesto complesso e frenetico come quello di Milano. L’associazione in pochi anni è diventata un punto di riferimento della zona, offrendo supporto nell’organizzazione del tempo extra-scolastico dei bambini con corsi pomeridiani, campus urbani nei periodi di pausa scolastica e nella costruzione di una ricca rete di relazioni tra le famiglie del quartiere.
Negli anni è cresciuta insieme ai bimbi e alle famiglie che ne fanno parte, arricchendosi di esperienze e rispondendo a nuove esigenze: oggi, con molti dei nostri figli vicini al passaggio alle scuole medie, ci siamo trovati a confrontarci sempre più spesso sulla risposta da fornire a una delle domande che iniziano a porci con maggiore insistenza: “Mamma, Papà, quando potrò avere il mio primo telefonino?”.
La difficoltà nel rispondere a questa domanda nasce dal quadro complesso dei rapporti fra giovani e nuovi media digitali: da un lato l’uso di tecnologie è infatti sempre più precoce e pervasivo, dall’altro sono in aumento le condotte rischiose legate all’uso della Rete e dei social network, con crescente importanza di fenomeni di cyberbullismo.

A partire da queste premesse, Pareidolia vorrebbe realizzare un progetto educativo incentrato sulle metafore della “Scuola Guida Digitale” e del conseguimento di una Patente per il Telefonino, rivolto ai bambini/ragazzi e ai loro genitori e insegnanti.
Siamo convinti che la domanda chiave cui rispondere non sia: "A che età è giusto dare il telefonino?" e neppure "Fa bene o male?", quanto piuttosto: "Quali sono le competenze e il livello di consapevolezza che è importante promuovere nei ragazzi e nei loro genitori perché il telefonino sia uno strumento utile e sicuro? E come farlo?"
Il progetto intende rispondere a questa domanda attraverso la messa a punto di un percorso coinvolgente e stimolante di acquisizione di consapevolezza e di competenze nei ragazzi e negli adulti di riferimento (genitori e insegnanti) rispetto all’utilizzo dello smartphone e al mondo digitale, con ricadute importanti in termini di tutela e promozione attiva del benessere di bambini e adolescenti e di prevenzione del cyberbullismo.

Il progetto coinvolgerà i bambini/ragazzi (fascia 8-13 anni) della zona e le loro famiglie, e gli insegnanti delle scuole del quartiere (IV e V primaria e I-II-III secondaria di 1° grado), e si articolerà in un percorso di progettazione partecipata di una "scuola guida" per il telefonino, caratterizzata da forme di blended learning (apprendimento misto in presenza e online): ragazzi e adulti parteciperanno ad una serie di incontri in presenza e collaboreranno alla progettazione del prototipo di un game digitale per il conseguimento della “Patente per il telefonino”.

Fasi del progetto:
- Fase 1- Progettazione partecipativa con i bambini/ragazzi e i genitori/insegnanti in una prospettiva di co-design dell'intervento in aula e del game digitale (interviste e focus group interattivi)
- Fase 2- Moduli formativi in aula con bambini/ragazzi e genitori/insegnanti (con coinvolgimento di ragazzi della fascia 14-18 con ruolo di tutor in un’ottica di mentoring e peer-education)
- Fase 3- Realizzazione del game digitale per il conseguimento della Patente per il Telefonino, sotto forma di Mobile game gratuito. Grazie alla diffusione del Game, l’impatto del progetto si estenderà potenzialmente su tutto il territorio nazionale.
Il finanziamento richiesto ad Aviva sarà utilizzato per pagare i professionisti (formatori, psicologi e pedagogisti) che supporteranno la progettazione e la realizzazione dei moduli formativi, per sviluppare il Game digitale (costi di sviluppatori e grafici, costi di hosting e dominio), per i materiali grafici e video e per organizzare un evento di presentazione dei risultati del progetto.

Beneficiari del progetto

Nella prima fase, i beneficiari diretti dei moduli formativi saranno i bambini/ragazzi (fascia 8-13 anni) della zona e le loro famiglie, e gli insegnanti delle scuole del quartiere (in particolare classi IV e V primaria e I-II-III secondaria di primo grado). Nella seconda fase, grazie alla realizzazione del prototipo del Game digitale gratuito e alla sua diffusione, l’impatto del progetto si estenderà potenzialmente su tutto il territorio nazionale.

Attività dell'organizzazione

Pareidolia è un’associazione no profit di promozione sociale nata a Milano nel 2011 dall’incontro di un gruppo di giovani genitori, che si sono ritrovati a condividere i loro primi passi da neo-padri e madri in un contesto complesso e frenetico come quello di Milano. Dalla loro ricerca di confronto, sostegno reciproco, aiuto nella gestione dei bambini è nata Paredolia: un’associazione che si offre come supporto nell’organizzazione del tempo extra-scolastico dei bambini con corsi pomeridiani, campus urbani nei periodi di pausa scolastica e nel favorire le relazioni tra le famiglie della zona attraverso la promozione del sostegno reciproco informale tra mamme e papà del quartiere.

Pareidolia

Città: Milano

Martina (9 anni):"Mamma, mi compri il cellulare?"

Mamma:"No è ancora troppo presto"

Martina:"e allora quando, quando??"

Mamma:"Mmhh..quando avrai preso la patente!"

Martina:"Ma davvero c'è una Patente per il Telefonino? Con un vero esame da grandi e una vera patente?!? La voglio fare!!