Sostegno alla salute

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione del progetto

Il progetto ACCOGLIENZA MALATI ALZHEIMER nasce dall'esigenza di sopperire ad alcune lacune presenti nel sistema socio-sanitario in merito alla categoria della demenza senile, non supportata da idee innovative e servizi appropriati. Da un'analisi del territorio di Corigliano posto in esame, si è constatato che un numero massiccio di malati con demenza senile ha difficoltà concrete per perdita memoria, di linguaggio e motorie, oltre al fatto che il contesto sanitario territoriale non offre adeguate strutture. E le strutture private, purtroppo non specialistiche, che potrebbero accoglierla, richiedono rette altissime per il ricovero. Le complicazioni previste da una malattia degenerativa possono limitare o annullare del tutto la vita sociale dell'anziano. Il problema tocca inevitabilmente anche le famiglie che troppo spesso vengono lasciate sole alle prese con situazioni difficili. Il progetto attraverso strategie di intervento mirate al recupero del decadimento cognitivo nello specifico , propone idee innovative, laboratori specifici, attività mirate che vanno ad intervenire laddove i servizi sanitari locali non possono o non vogliono intervenire. Stimolare la mente e il corpo è l'imperativo del progetto attraverso azioni specifiche come esercizio fisico per mantenere l'efficienza fisica e ritardare il processo d'invecchiamento con effetti benefici su tutto l'organismo; la pet-therapy, passeggiate all'aperto, l’agroterapia, la musicoterapia, la terapia gastronomica. Verranno creati laboratori con attività mirate e partecipate. Prevista la riabilitazione cognitiva ( Memory Training, Reality Orientation Therapy, ROT; 3R (Rot, reminescencenza e rimotivazione ). Di fondamentale importanza la realizzazione di un gruppo di auto mutuo aiuto ( AMA) al fine non solo di assistere il proprio familiare ma anche per alleviare psicologicamente il peso dell'assistenza stessa. Tali misure, largamente applicate in contesti simili, hanno dimostrato risultati molto positivi sia nella stimolazione e rinforzo delle capacità neuro-cognitive, sia nell'esecuzione di compiti di vita quotidiana.
Obiettivo generale del progetto è il recupero dell'anziano affetto da demenza senile attraverso azioni mirate dal forte impatto sociale. Essendo un progetto che si rivolge ad una categoria di soggetti molto svantaggiata ha una ripercussione positiva anche sull'intero territorio posto in esame. Migliorando la vita del malato si migliora di riflesso la qualità di vita delle famiglie che si occupano dell'anziano, alleggerendole di fatto, dal peso dell'assistenza.
Gli obiettivi specifici: La problematica affrontata subisce un netto miglioramento in quanto tutte le attività previste agiscono sul decadimento cognitivo, riportando l'anziano ad un ruolo attivo nella società, non più un peso inutile. Ha inoltre ripercussioni positive sul territorio e sulla comunità perche essendo un progetto di lunga durata, crea posti di lavoro mentre la struttura già esistente, l'esperienza dei volontari e degli operatori ne garantiscono la cantierabilità futura.
Obiettivo ultimo del progetto è di rendere al territorio un servizio innovativo e polifunzionale di accoglienza e successiva integrazione/rieducazione di soggetti che versano in condizioni di emarginazione a causa delle condizioni di salute che impediscono una regolare vita sociale agli stessi malati e alle loro famiglie.
Risultati attesi:RALLENTAMENTO DEL FISIOLOGICO DECADIMENTO COGNITIVO
Il progetto si prefigge di lavorare sulle prestazioni cognitive, sull’autonomia nella vita quotidiana e sui disturbi del comportamento dei pazienti affetti da demenza attraverso un programma terapeutico che prenda in considerazione l’utilizzo di diverse terapie. Gli interventi di riabilitazione cognitiva, inseriti nel progetto, comprendono numerose tecniche ciascuna delle quali ha elaborato modalità e protocolli specifici, alcuni dei quali affrontano
anche le implicazioni affettive dei deficit cognitivi del paziente.

Beneficiari del progetto

Il beneficio più evidente della realizzazione di un Centro Diurno è dare continuità ad un intervento professionale, quale quello offerto dall’Associazione, sia ai 15 malati che ai familiari. Ai malati con le terapie non farmacologiche migliorandone la qualità di vita. - Ai familiari con i gruppi di auto mutuo aiuto ed eventualmente con l’assistenza domiciliare, dando loro un sostegno psicologico e concreto, in modo da non lasciarli soli nel loro agire quotidiano.

Attività dell'organizzazione

vedi sito www.adacorigliano.com Reti locali-Il volontario nella comunità locale.Fondazione con il sud Calabriafriends.Fondazione Calabria Etica Attività assistenziale per non autosufficienti.ADA Regionale Attività assistenziale Alzheimer.Regione Calabria Organizzazione "Miniconvegni".Federanziani Quaderno ADA n. 3 – Alzheimer – l’epidemia del terzo millennio” piccola guida Alzheimer–l’epidemia del terzo millennio” assistenza Alzheimer in centro diurno Progetto Locali”riguardante la ristrutturazione dei locali in comodato La coltura dell’orto in città”.CSV CS Corso di informatica Smartphone” Millepiazze – per i nonni d’Italia”.Fondazione senioritalia

circolo socioricreativo ADACORIGLIANO

Città: Corigliano Calabro

Impatto positivo sulla società civile.Il comodato dei locali comunali.La partecipazione economica di cittadini e partneriato con Comune di Corigliano, A.Di.Ma.N.J,CIAK,AVO e precedentemente Comune S.Demetrio Corone,Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza,Donne Insieme,Azzurra,ADA Calabria CSV Cosenza