Sostegno alla salute

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione

Il Progetto vuole ampliare gli spazi e migliorare l'organizzazione delle attività del Centro di Accoglienza Notturna per persone senza fissa dimora “La Villetta della Misericordia”: tali nuovi spazi saranno dedicati alle attività di socializzazione degli ospiti, aprendo la struttura di accoglienza al territorio per ridurre la distanza e lo stigma tra la cittadinanza e chi vive uno stato di povertà assoluta.

Si intende dotare lo spazio esterno di una struttura gazebo di 50/60 mq adatta all'uso estivo e invernale come spazio di socializzazione, al fine di rafforzare l'incontro con la cittadinanza e il coinvolgimento/attivazione delle reti di prossimità.

Attività previste nel progetto:
• Definizione progetto esecutivo;
• Selezione ditte e avvio lavori;
• Realizzazione impianti;
• Realizzazione struttura;
• Consegna;
• Fruibilità degli spazi.

Il Centro di Accoglienza Notturna per persone senza fissa dimora “La Villetta della Misericordia” ha come scopo l’accoglienza, il recupero e il reinserimento sociale di persone indigenti senza dimora, che vivono in condizioni di disagio economico, sociale e familiare estremo. Oltre all'accoglienza, la struttura è finalizzata alla presa in carico e all'accompagnamento delle persone lungo percorsi di progressivo reinserimento sociale. L’accoglienza è gratuita.

Il Centro è gestito dalla Comunità di S.Egidio ACAP Onlus che assicura l’accoglienza e l’accompagnamento degli ospiti attraverso personale volontario. Gli operatori della Comunità di S.Egidio hanno una esperienza consolidata di tale tipologia di disagio, avendo costruito a Roma e in altre città una larga rete di attività di solidarietà a favore delle persone che vivono in strada (mense sociali, cene itineranti, centri d’accoglienza e di ascolto, servizi docce, unità di strada ecc.). Ogni tipo di attività è svolta nel rispetto della dignità e della riservatezza e dei principi di eguaglianza e di non discriminazione.

LA STRUTTURA
Il Centro di accoglienza notturna è situato all'interno di un fabbricato di due piani sito nel Campus dell’Università Cattolica del Sacro Cuore con ingresso in Via Trionfale 8025, denominato “La Villetta della Misericordia”.
La struttura è in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente in materia edilizia, igienico-sanitaria, di prevenzione incendi, sulle condizioni di sicurezza degli impianti, sulle barriere architettoniche, sulla prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro: è ubicata nel centro abitato, adeguatamente collegata con i mezzi pubblici.
La struttura rispetta tutti i requisiti previsti dalle Linee di Indirizzo per il Contrasto alla Grave Emarginazione Adulta in Italia, sottoscritte nel novembre 2015 in Conferenza Unificata Stato Regioni e promosse dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Direzione Generale per l’Inclusione e le Politiche Sociali.

La struttura, oltre l’accoglienza notturna, intende fornire risposte di tipo sociale volte a sostenere la persona nel reinserimento e nel recupero dell’autonomia. Sono pertanto previste le seguenti attività:
1. Interventi di recupero e sostegno socio-assistenziale e attività ricreative
2. Pasto serale e colazione
3. Servizio docce e cambio biancheria
4. Servizio di lavanderia ad uso interno
5. Assistenza e disbrigo di pratiche amministrative
6. Orientamento al lavoro
7. Eventuali contatti e coinvolgimento delle famiglie d’origine.

Nello svolgimento di tali attività, è assicurato un collegamento stabile con i servizi socio-sanitari territoriali. Nel periodo di permanenza presso il Centro gli ospiti che presentano necessità di carattere sanitario possono avere accesso alle cure attraverso la ASL del territorio in cui è situata la struttura, la ASL di residenza o avvalendosi dei servizi sanitari della Fondazione Policlinico A. Gemelli.

Comunità di S.Egidio ACAP Onlus

Città:Roma

L'elaborazione di un modello di intervento per i poveri sostenibile e aperto alla città, grazie alla collaborazione di tanti: il Policlinico Gemelli (struttura e professionalità); la Comunità di S.Egidio ACAP (know how e volontari; le risorse formali e informali presenti nel territorio limitrofo.
Torna ai progetti