Insieme per il territorio

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione del progetto

L’azione CANTIERI si inserisce nel più ampio progetto Più Segni Positivi: una nuova proposta di welfare generativo con capofila il consorzio Sol.Co. Il progetto mette in rete 22 Comuni, associazioni e privato sociale in una visione di lavoro sinergico per fronteggiare la crisi economico-finanziaria e sociale che si sta attraversando e che ha fortemente incrementato i bisogni delle famiglie anche nel nostro territorio, storicamente contraddistinto da comunità coese e solidali.

La mancanza di reti sociali è tra le prime povertà da combattere. Tra il 1999 e il 2013, la maggior parte dei centri rurali della provincia non solo hanno interrotto la propria crescita demografica, ma hanno anche perso una parte consistente della loro popolazione, con gravi conseguenze in termini sociali, culturali, di tutela del territorio ed economiche (cfr. www.padima.org).
Insieme, o in conseguenza di ciò, il territorio stesso che caratterizza la nostra provincia ha subito fenomeni di grave degrado, incuria, abbandono. A partire dagli anni ’50 del secolo scorso la rottura del legame diretto di scambio lavoro/prodotto tra l'uomo e il territorio ha fatto mancare la conoscenza e la motivazione per manutenere il territorio e quindi ha causato l’attuale rilevante problema dell'abbandono dei pascoli, dei campi, in parte dei vigneti che costituiscono il settore economicamente più qualificato della produzione agricola valtellinese. Il territorio della comunità montana di Sondrio destinato a prato seminativo o vigneto dal 1961 al 2007 è diminuito del 40% circa. Nello stesso periodo la superficie di pascolo è diminuita del 53% circa, per lo più a causa dell'abbandono, ed è stata occupata da boscaglia.
Trasversalmente si è assistito alla generale crisi del lavoro. In provincia di Sondrio la riduzione nell’anno 2013 delle imprese attive è stata pari, in valore assoluto, a 310 unità. Osservando i settori del complesso delle imprese attive, quelli che hanno registrato una diminuzione superiore rispetto al dato complessivo sono l’agricoltura (-163 imprese), le costruzioni (-93 imprese) e il manifatturiero (-35 imprese). Settori in crisi che determinano un aumento significativo della disoccupazione tra lavoratori con bassi titoli di studio, età avanzata e conseguentemente difficilmente ricollocabili.

L’azione CANTIERI si qualifica come un programma di reinserimento occupazionale ma ha, al contempo, una missione di riqualificazione territoriale a favore dell’intera comunità.

Nei tre anni altrettante tipologie di “cantieri” sono stati pianificati:
1\ Cantieri in Quota - avviati in stretta collaborazione con la Comunità Montana locale, prevedono il ripristino e la manutenzione straordinaria di sentieri abbandonati con attività di sfalcio, abbattimento piante, costruzione di muretti a secco, ricostruzione in situ di scalette e parapetti utilizzando il più possibile materiale di recupero e nel pieno rispetto dell’ambiente. Gli interventi fin qui svolti hanno ripristinato 85km di sentieristica, con una media di 11 cantieri (siti) all’anno, dal 2015. Gli “specialisti” selezionati e formati per questa azione sono Graziano, Roberto, Alì, Quinto e Cosimo; sotto la supervisione di Alessandro.

2\ Cantieri in Comune – partiti nella primavera 2016. I Comuni del mandamento sono stati chiamati ad individuare e proporre a Più Segni Positivi interventi su aree marginali e/o da valorizzare e da restituire alla collettività. Tra quelli pervenuti, sono stati selezionati 4 cantieri di rilievo: un orto urbano, un giardino botanico, un alpeggio e una zona di ex-mulini. Gli “specialisti” selezionati e formati per questa azione sono Massimo, Antonio, Riccardo, Arsalane e Michele; sotto la supervisione di Christian.

3\ Ri-Cantieri - è l’ultimo, terzo, tipo di “cantiere” che prevede il recupero di una vasta area ex-agricola abbandonata, da ri-destinare a vigneto con relativo progetto di ritorno ad uno stato produttivo. Quest’ultima linea di lavoro è in partenza.

Beneficiari del progetto

L’azione CANTIERI offre percorsi di reinserimento occupazionale dedicati a persone (40/60 anni) fuoriuscite dal mercato del lavoro; le persone selezionate ricevono opportuna formazione integrativa per specializzarsi in attività destinate al recupero e alla manutenzione del territorio. L’obiettivo progettuale è di stabilizzare almeno 15 persone, attualmente sono attivi nove dipendenti e sono state pianificate sette nuove selezioni per la costituzione della nuova squadra.

Attività dell'organizzazione

LA SOCIETA' HA LO SCOPO CONSORTILE E MUTUALISTICO, SI ISPIRA AI PRINCIPI CHE SONO ALLA BASE DEL MOVIMENTO COOPERATIVO MONDIALE ED IN RAPPORTO AD ESSI AGISCE: LA MUTUALITA', LA SOLIDARIETA', L'ASSOCIAZIONISMO TRA COOPERATIVE, IL RISPETTO DELLA PERSONA, LA PRIORITA' DELL'UOMO SUL DENARO, LA DEMOCRATICITA' INTERNA ED ESTERNA. IL CONSORZIO HA COME OGGETTO PRINCIPALE STIMOLARE LA COLLABORAZIONE TRA LE COOPERATIVE CON FINALITA' DI PROMOZIONE UMANA E DI INSERIMENTO SOCIALE DEI CITTADINI CHE SOFFRONO CONDIZIONI DI SVANTAGGIO E DI EMARGINAZIONE; ATTUARE, SIA DIRETTAMENTE CHE TRAMITE LE COOPERATIVE SOCIE, INIZIATIVE DI SENSIBILIZZAZIONE DEI CITTADINI E DEGLI ENTI PUBBLICI SU TEMATICHE SOCIALI.

Consorzio Sol.Co Sondrio

Città: Sondrio

Ridare lavoro e, insieme, restituire spazi ai propri concittadini sono due azioni complementari e praticabili, come il progetto ha dimostrato. I sentieri e gli spazi comunali restituiti alla collettività sono ora stati “adottati” dai cittadini che, praticandoli, li mantengono vivi.