Insieme per il territorio

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione del progetto

La gestione dei rifiuti in Sicilia, definita dai media una polveriera pronta ad esplodere, con particolare riferimento alla provincia di Palermo, territorio individuato per la realizzazione della presente proposta progettuale, è ormai al collasso. Nonostante i vari tentativi di risoluzione del problema, la quantità di rifiuti prodotta non è diminuita, e di contro si assiste all’aumento giornaliero dei rifiuti non conferiti, ema gettati in strade e campagne. Il progetto “Non rifiuto il rifiuto”, intende integrare le politiche finalizzate alla riduzione dei rifiuti e all’incremento della raccolta differenziata avviate dalle amministrazioni comunali per rispondere agli obiettivi previsti (riduzione del 20% al 2010 e del 50% al 2050) dal Sesto Programma d’Azione per l’Ambiente della CE. Nel contesto europeo l’Italia risulta essere uno dei paesi meno virtuosi, con la Sicilia, al centro di un’emergenza rifiuti sempre più pressante, che si colloca all’ultimo posto tra le città italiane per la raccolta differenziata, che si arresta su valori che ad oggi sono inferiori al 10%. Le politiche che fino ad ora sono state avviate dalle amministrazioni locali hanno tenuto poco in considerazione l’importante ruolo che la comunità può svolgere nell’ambito delle strategie avviate ai fini della riduzione dei RU e dell’incremento della raccolta differenziata. Il progetto intende invece incoraggiare, attraverso iniziative rivolte a tutta la cittadinanza, l’iniziativa volontaria ed individuale dei singoli cittadini che appartengono ad una comunità, partendo appunto dalla consapevolezza che ognuno di essi produce rifiuti ed è portatore in se di una quota di responsabilità nei confronti del pianeta ed al tempo stesso possiede il grande potere di incidere con i suoi comportamenti virtuosi alla risoluzione del problema. Pertanto uno degli obiettivi principali che il progetto intende perseguire è quello di sensibilizzare tutti i settori della comunità, attraverso un processo capillare in grado di responsabilizzare in primo luogo i cittadini e conseguentemente, attraverso una partecipata e democratica presa di coscienza. Il progetto prevede la realizzazione
di un’EcoStazione un luogo fisico nel quale il cittadino potrà portare i propri rifiuti differenziati (carta, cartone, plastica, alluminio, vetro) ed ottenere in cambio generi alimentari di prima necessità, sconti all’interno di esercizi convenzionati e riduzioni sulla tassa rifiuti, utilizzando la più antica forma di commercio, il “baratto”. L’ecostazione rappresenterà dunque un luogo di interfaccia tra i cittadini e la Piattaforma per il conferimento dei rifiuti differenziati che acquisterà i rifiuti smistati, controllati e compattati all’interno dell’Ecostazione per poi rivenderli agli specifici Consorzi che si occupano di trasformarli nuovamente in materia prima da reimmettere nel ciclo produttivo. Gli operatori dell’Ecostazione, insieme ai volontari attraverso la creazione di un infopoint, assisteranno i cittadini durante il conferimento dei rifiuti, informandoli sulle corrette modalità di separazione dei materiali e sulle modalità di riciclo e recupero. Parallelamente, all’interno dell’Ecostazione verranno realizzate, anche grazie al contributo dei volontari, attività di formazione, animazione e sensibilizzazione sul tema dei rifiuti, del riciclo e del riuso, e sulle opportunità che possono derivare dalla reimmissione, nel ciclo produttivo, dei rifiuti differenziati e riciclati. Le suddette attività saranno rivolte all’intera comunità e differenziate in funzione delle diverse categorie di soggetti destinatari. L’Ecostazione diventerà dunque anche un ‘luogo di incontro’ e socializzazione per tutti quei cittadini che vorranno acquisire una maggiore conoscenza sulle tematiche legate allo smaltimento dei rifiuti e al recupero dei materiali differenziabili e riutilizzabili nel ciclo produttivo, luogo di elaborazione di idee e progetti legati alla differenziazione e al recupero dei rifiuti.

Beneficiari del progetto

I beneficiari diretti saranno i cittadini, le Amministrazioni Locali che aderiranno, i fruitori dell'Ecostazione

Attività dell'organizzazione

Legambiente è una delle più diffuse associazioni di protezione ambientale italiane, riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente, membro dell’IUCN, membro del B.E.E., aderisce al Movimento difesa del Cittadino. Legambiente Sicilia Onlus si occupa da sempre delle problematiche relative allo sviluppo sostenibile, attraverso la promozione, la conoscenza e la diffusione di campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini, a favore di stili di vita, di produzione e di consumo e per una formazione improntata all’ecosviluppo e a tutela dei consumatori, e un equilibrato rapporto tra essere umano e natura

Legambiente Sicilia ONLUS

Città: Isola delle Femmine

Il progetto genererà sul territorio un impatto economico e sociale notevole, apportando benefici all’intera comunità: aumento della consapevolezza della comunità sulla necessità di ridurre gli sprechi e la produzione di rifiuti e sulle opportunità derivanti dalla loro differenziazione e dal riciclo