In campo per l'infanzia e per i giovani

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione del progetto

L'avversario è forte, sempre più forte. Pronto ad andare in pressing, accerchiarti, metterti in un angolo, sconfiggerti. Ecco perchè bisogna alzare la guardia. Prepararsi. Allenarsi. Facendo gioco di squadra. Strategia e sudore, teoria e pratica, per vincere la sfida contro il cyberbullismo.

L'idea è quella di creare una vera e propria “Palestra contro il cyberbullismo” all'interno del centro sportivo comunale di Desio, in Brianza. Uno spazio polifunzionale, di circa 12 metri per 10, che possa ospitare un piano annuale di prevenzione e sensibilizzazione su questa tematica così attuale, che ossessiona, secondo le ultime ricerche, 2 ragazzi su 3. E proprio bambini, pre-adolescenti e adolescenti saranno i principali attori protagonisti delle attività.

La palestra sarà realizzata attraverso lavori di adeguamento e ampliamento di uno spazio già presente nel centro sportivo. Che sarà trasformato in un ambiente utilizzabile dalle associazioni per le attività sportive e per incontri di formazione. Nello specifico il Piano di azione prevede l'alternarsi di teoria e pratica: sul primo versante, con una società specializzata, saranno promossi corsi di formazione per i giovani iscritti alle società sportive di Desio (44 società per migliaia di tesserati) intitolati “Facciamo squadra per mettere in fuorigioco il cyberbullismo”. Corsi che, attraverso lo storytelling legato allo sport, fanno capire come occorra andare verso l'inclusione e non l'esclusione, il rispetto e non lo scontro. In un campo sportivo, come su uno smartphone. Verranno coinvolti anche i genitori.

Ci saranno poi incontri formativi con l'Arma dei Carabinieri e altri specialisti per far capire ai ragazzi quali sono i pericoli della rete, come e perchè starne alla larga. Oltre che, come e perchè, evitare prevaricazioni digitali sui coetanei.

Fiore all'occhiello e novità assoluta saranno veri e propri “allenamenti” – di calcio ma non solo – per addestrare insieme i bambini alla pratica sportiva ma anche all'educazione digitale. Studiati dalla Tiki Taka Academy, insieme a un'equipe di psicologi e pedagogisti, saranno nuovi format di esercizi e giochi basati sulla collaborazione, sull'inclusione, sulla cooperazione, sull'altruismo, sul rispetto, sul gioco di squadra, sul combattere le prepotenze, sull'autostima e l'autocontrollo.

I ragazzi “diplomati” nella “palestra contro il cyberbullismo”- in collaborazione con Hub Desio Giovani - saranno invitati a rendersi “evangelisti” di questa missione nelle rispettive società sportive e scuole. A scopo divulgativo e di sensibilizzazione, le 200 nuove magliette per i bambini e ragazzi del settore giovanile Aurora Desio avranno la scritta #SquadraAntiBulli, portando in giro per i campi della Brianza e della Lombardia questo messaggio sociale.

Abbiamo un'enorme voglia di vincere. Ci aiuti? Fai squadra con noi!

Beneficiari del progetto

I beneficiari della donazione saranno tutte le Società sportive della città che avranno un nuovo spazio polifunzionale per allenare, educare e far crescere i propri bambini e ragazzi in maniera sana, lontani dalle trappole e dalle tentazioni del bullismo in tutte le sue forme, in particolare quella digitale.

Attività dell'organizzazione

Siamo la storica società calcistica di Desio, una delle più prestigiose in Brianza, che da sempre lavora, con energia e passione, per promuovere il calcio come straordinario veicolo educativo per i giovani. Da questa stagione abbiamo lanciato un progetto complessivo, unico in Italia, per promuovere un calcio totalmente senza barriere, fisiche, psicologiche, sociali. Coinvolgendo le famiglie, il territorio. E le altre associazioni sportive e non della città. Un progetto che vede diverse azioni concrete, educative e di sensibilizzazione, ad esempio contro la piaga dilagante del cyberbullismo: "facciamo squadra tutti insieme...e mettiamola in fuorigioco!".

Us Aurora Desio 1922 - Settore Giovanile

Città: Desio

L'orgoglio nasce dal fatto che l'intero movimento sportivo della città si unirà in questa partita, difficile, che si può vincere solamente insieme. E tutti, alla fine, saranno fieri di aver preso parte a un progetto per il bene, e il futuro, dei nostri ragazzi.