Insieme per il territorio

Livello di finanziamento: fino a €15.000

Descrizione del progetto

Nel 2014 abbiamo inaugurato Paides, la Nuova Comunità per bambini di Oikos, realizzata in una grande struttura dotata di ampi spazi verdi nel comune di Monte Roberto (AN).L’esterno della struttura si presta ad essere adibito ad un grande spaZio giochi per i nostri giovani ospiti: da qui nasce il progetto My Nature. L’idea è quella di realizzare un parco giochi dotato di attrezzatura specifica per l’età dei bimbi ospitati (0-10 anni) e parallelamente sfruttare la posizione della comunità che si trova a ridosso del fiume Esino, parte dell’oasi di Ripabianca, realizzando una postazione di birdwatching, con la collaborazione della cooperativa che gestisce l’oasi. Visitare oggi la Riserva è un’esperienza reale di come dei luoghi fortemente antropizzati possano recuperare il loro aspetto naturalistico originario. La Riserva, a metà strada tra i Parchi Regionali del Monte Conero e della Gola della Rossa e Frasassi, è attraversata dal corso del fiume Esino e conta la presenza di circa 150 specie di uccelli, alcune delle quali vere e proprie emergenze naturalistiche regionali e nazionali. Ripa Bianca è una testimonianza concreta di riqualificazione ecologica, di un ambiente ricco di biodiversità. Le notevoli valenze naturalistiche ed il contesto fortemente antropizzato nel quale l’area protetta si colloca, rendono la Riserva Naturale un laboratorio sperimentale unico di gestione eco-sostenibile del territorio finalizzato a conciliare la tutela ed incremento della biodiversità con la presenza delle attività umane. Infine, il binomio natura e impegno sociale che caratterizza l’operato dello staff della Riserva, ha trovato sempre spazio attraverso inserimenti lavorativi, attività educative e collaborazioni a favore di persone svantaggiate. Il progetto di Oikos è di realizzare uno spazio verde sicuro, con tutta l’attrezzatura per l’attività ludica ma anche sostenere e sviluppare nei nostri bambini il contatto con la natura, la conoscenza del proprio territorio, la possibilità di apprezzare ciò che esso gli può offrire e soprattutto poter beneficiare dell’azione terapeutica che il vivere la natura può avere su bambini che hanno bisogno di aiuto. Per realizzare questo progetto occorre: progettare l’area verde e la zona di birdwatching; sistemazione del terreno che attualmente non è piano e quindi si rende necessario livellare il suolo per diminuire la pendenza; semina prato e piantumazione alberi e quant’altro in base al progetto di verde; sistema di irrigazione del prato; giochi da giardino in materiale ecologico; materiale per postazione birdwatching: gazebo con struttura fissa; panchine; binocolo; cartellone con la mappa del territorio circostante e informazioni su flora e fauna da vedere.Il birdwatching è un’attività vicina ad uno sport, per molti una vera e propria filosofia di vita. Un’attività all’aria aperta senza limiti d’età, praticabile tutto l’anno, che abitua al contatto e al rispetto dell’ambiente naturale: la prima fondamentale regola del birdwatching è infatti un principio etico che ci ricorda come, essendo ospiti in casa degli animali selvatici, si debba sempre tenere la massima discrezione nei nostri comportamenti. Ma il birdwatching è anche un’attività sociale, un elemento di aggregazione, che consente di conoscere persone, condividere esperienze, provare emozioni, permettendo al tempo stesso di combattere ansia e stress, prestandosi dunque ad essere integrato nel PEI (progetto educativo individualizzato) dei bambini ospiti del Paides.In questo contesto, interessanti esperienze hanno rilevato come il birdwatching possa influire sulla crescita psico-fisica e sul processo di abilitazione alla comunicazione di bambini con problemi sociali, solitamente non abituati a non arrecare danno a qualcosa di estraneo alla loro persona e che, invece, praticando il birdwatching, riescono ad acquisire un comportamento rispettoso nei confronti dell’ambiente, con conseguenze positive anche nelle loro relazioni con gli altri esseri umani.

Beneficiari del progetto

I bambini, le mamme ospiti di Paides, ma anche gli operatori e i volontari della struttura e gli abitanti del territorio di Monte Roberto, Jesi e Comuni limitrofi ovvero tutte le persone, famiglie e scuole che conosceranno il progetto pubblicizzato da Oikos in collaborazione con l'Ente di gestione della Riserva di Ripa Bianca

Attività dell'organizzazione

OIKOS è un’Associazione di Volontariato e ONLUS fondata a Jesi (An) nel 1990 da Don Giuliano Fiorentini. Il suo scopo è offrire una risposta immediata e diretta ai bisogni emergenti del territorio prestando particolare attenzione alle dipendenze patologiche, ai minori vittime di maltrattamenti e abusi e alle mamme in difficoltà nel ruolo genitoriale. L’attività diOIKOS si concretizza nel territorio anche attraverso progetti di prevenzione e promozione del benessere, soprattutto dei giovani, attraverso attività nelle scuole e un globale sostegno alle famiglie. OIKOS è membro effettivo della Federazione Italiana Comunità Terapeutiche (FICT), una ONG presente in 17 regioni d’Italia.

OIKOS ONLUS

Città: Monte Roberto

Poter realizzare uno spazio educativo e di svago per i bambini e le mamme che ospitiamo ed ospiteremo a Paides; valorizzare una parte importante del nostro territorio e offrirlo a beneficio di persone che hanno bisogno di aiuto ma anche a visitatori esterni, provenienti da Monte Roberto e Jesi