Insieme per il territorio

Livello di finanziamento: fino a €5.000

Descrizione

Il progetto “BarroBugBox” (wwf.lecco.it/progetto-barrobugbox) è stato avviato nel 2013, in collaborazione con Parco Monte Barro e API Lombardia, Associazione produttori apistici della Lombardia, con l’intento di
salvaguardare e promuovere le comunità di impollinatori selvatici presenti nel Parco Monte Barro.
Il Barro è un'area caratterizzata da un’elevata biodiversità floristica, con la presenza di circa 1100 specie vegetali (Brusa & Villa, 2015), molte delle quali ad impollinazione entomofila (quindi tramite l'intervento di insetti).
Dal 2013 sono state realizzate strutture artificiali atte a fornire siti idonei alla nidificazione dei pronubi selvatici. Al terzo anno dall’avvio del progetto è stata notata una buona efficienza di colonizzazione delle strutture, con presenza, in particolare, di Imenotteri Apoidei Megachilidi del genere Osmia, in aumento
negli ultimi monitoraggi. Nel corso del progetto sono state risolte alcune problematiche riscontrate, effettuando periodici interventi di ricollocamento e miglioramento dell’architettura costruttiva, sviluppando e applicando buone pratiche necessarie per una gestione efficiente delle strutture.
I risultati finora raggiunti sono stati presentati al XXV Congresso Nazionale di Entomologia (Padova, giugno 2016, http://wwf.lecco.it/news/wwf-lecco-al-cnie-2016), in un poster a titolo "Realizzazione e gestione di siti di nidificazione per i pronubi selvatici del Parco Monte Barro: il Progetto BarroBugBox".
Unitamente agli aspetti conservazionistici e scientifici sono state inoltre svolte attività divulgative e didattiche in riferimento al progetto, in particolare al progetto è stata dedicata una serata e un’uscita sul campo nell’ambito del corso “Destinazione Lilliput”, proposto da WWF Lecco nel maggio 2016, in
collaborazione con il Parco Monte Barro e il patrocinio del Comune di Galbiate.
Le attività che ci proponiamo di effettuare nei prossimi due anni (2017-2018) sono:
1. Monitoraggio ordinario delle strutture già inserite nel territorio del Parco;
2. Sostituzione delle strutture obsolete o danneggiate dalle intemperie;
3. Posizionamento di ulteriori strutture idonee alla nidificazione per il prelievo di polline necessario per quanto esposto ai punti 4 e 5;
4. Analisi palinologiche sul polline contenuto nei nidi pedotrofici di Imenotteri Apoidei Megachilidi colonizzanti le strutture. Tali analisi avranno lo scopo di individuare quali siano le specie botaniche presenti nel Parco che potrebbero essere impollinate da tali insetti selvatici;
5. Analisi multi-residuali sul polline contenuto nei nidi pedotrofici di Imenotteri Apoidei Megachilidi colonizzanti le strutture. Tali analisi avranno lo scopo di valutare la presenza di residui di principi attivi di prodotti fitosanitari nelle diverse aree del Parco;
6. Comunicazione e divulgazione scientifica dei risultati ottenuti, pubblicazioni su riviste specializzate e presentazioni a convegni a tema;
7. Realizzazione di materiale informativo didattico per i fruitori del Parco;

Associazione WWF Lecco ONLUS

Città:Galbiate

Il fatto che tutta l'attività sia su base volontaria e coinvolge giovani ricercatori, universitari, laureati e laureandi in discipline ambientali. Il progetto è riuscito già a coinvolgere un Parco Regionale e un'Associazione regionale di apicoltori.
Torna ai progetti