In campo per l'infanzia e per i giovani

Livello di finanziamento: fino a €7.500

Descrizione del progetto

Caritas crede che la famiglia sia il cuore e la scuola della comunità. E crede che sia un diritto di ogni bambino. Per questo ha dato vita al progetto di Casa Papa Francesco: una comunità educativa a dimensione familiare che accoglie bambini dagli 0 agli 8 anni allontanati dai genitori su provvedimento dei Servizi Sociali e dell’Autorità Giudiziaria. La casa è inserita nella cornice verde del parco di Casa San Giuseppe, di proprietà della Congregazione delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli, a Quercianella (Livorno), e dispone di ampi e confortevoli spazi in cui i piccoli ospiti possono vivere, studiare, giocare e divertirsi in libertà, sicurezza e serenità. L’obiettivo del progetto è quello di sostenere bambini che hanno alle spalle storie dolorose (non di rado all’insegna dell’abuso e del maltrattamento) e che si trovano ad affrontare il delicatissimo passaggio della separazione dai genitori. A loro Casa Papa Francesco vuol garantire un ambiente protetto e affettivamente positivo in cui fare tutte le esperienze di cui hanno bisogno per crescere. La conduzione della comunità è affidata a un’équipe multi-professionale (pedagogista, psicoterapeuta, neuropsichiatra, assistente sociale, educatori e animatori di comunità) che lavora a stretto contatto con i servizi pubblici coinvolti nel progetto personalizzato di cui ogni minore è protagonista. Ciascun bambino viene accompagnato nella scelta e nello svolgimento di attività sportive e ricreative extrascolastiche, riceve supporto nello studio, viene coinvolto in gite ed escursioni e, ogni settimana o con la cadenza prevista dai servizi sociali, incontra i genitori e gli altri parenti in una sede protetta. Tutte le attività sono finalizzate al futuro ritorno di ogni bambino nella famiglia di origine o all’inserimento in una famiglia nuova in seguito a procedure di affido e/o adozione. Tuttavia, la prospettiva di una nuova famiglia è particolarmente difficile da realizzare nei casi di bambini affetti da malattie, disabili o interessati da disturbi emotivi e comportamentali tali da interferire significativamente con la qualità della loro partecipazione sociale. In questo momento la comunità ospita 11 bambini. Quattro sono in carico ai servizi di neuropsichiatria (uno ha riconosciuta una disabilità ex art. 104/92) e presentano disagi emotivi e comportamentali in gran parte legati a vissuti di privazioni, maltrattamenti e abusi. Una bambina di quattro mesi- L., abbandonata alla nascita- è invece affetta da una grave malattia rara, l’epidermolisi bollosa distrofica, che comporta una significativa riduzione dell’aspettativa e della qualità di vita e della possibilità di partecipazione sociale. La capacità dei bambini accolti di valorizzare al meglio l’esperienza di Casa Papa Francesco per farne davvero un nido da cui spiccare, al momento opportuno, il volo, dipende anche dalla possibilità di diminuire la pressione negativa esercitata dal passato sul presente e sulle rappresentazioni del futuro. È quindi intenzione della Fondazione Caritas Livorno sostenere lo sforzo di ritorno alla normalità da parte dei bambini più fragili della comunità, in modo da rendere l’affido o l’adozione una prospettiva reale. La comunità ha quindi deciso di attivare, oltre alle attività educative e ricreative già a regime, interventi specializzati di accompagnamento: 1) un laboratorio di psicomotricità per permettere ai bambini più piccoli della casa di avere uno spazio protetto e affidato all’esperienza di specialisti in cui fare esperienza di sé e degli altri, esprimere il loro stato d’animo e rielaborare il loro vissuto secondo linguaggi che sono i più adatti alla loro fase di sviluppo; 2) un servizio di supporto all’autonomia di studio, per aiutare i bambini in età scolare che presentano profili di apprendimento fragili; 3) percorsi psicoterapeutici per i bambini che presentano maggiori difficoltà emotive e/o comportamentali, a integrazione del servizio offerto dal SSN.

Beneficiari del progetto

I beneficiari diretti del progetto sono i bambini e le bambine ospiti della comunità. Essendo la comunità per sua natura e vocazione un gruppo dinamico, soggetto ad arrivi e partenze, non è possibile quantificare in modo stabile il numero dei minori presenti all’interno della casa. Al momento sono 11, ma il loro numero potrebbe crescere nel corso del 2017.

Attività dell'organizzazione

La Fondazione Caritas Livorno persegue finalità di solidarietà e promozione umana, contrastando ogni tipo di povertà, offrendo servizi di assistenza a singoli e famiglie in situazione di bisogno temporaneo o permanente, restituendo alle persone svantaggiate speranza e dignità personale attraverso la valorizzazione e il sostegno delle loro risorse. I fronti dell’impegno quotidiano di Caritas sono molti: dalla lotta allo spreco e al bisogno alimentare all’emergenza abitativa, dall’accoglienza di uomini e donne inseriti in programmi di protezione internazionale alla formazione al lavoro delle persone disoccupate, dai servizi di bassa soglia alle case famiglia per bambini e madri con figli.

Fondazione Caritas Livorno

Città: Quercianella

Attraverso il progetto di Casa Papa Francesco, la Fondazione Caritas Livorno risponde a un grande bisogno del territorio: offrire luoghi di accoglienza e di protezione per l’infanzia ferita, garantire a ogni bambino il diritto a una famiglia e a un’infanzia degna di questo nome.